domenica 28 agosto 2016

La nostra vacanza in Andalusia!

Ho iniziato a scrivere questo post dopo nemmeno due giorni che siamo arrivati in vacanza e posso dire di essere innamorata della Spagna e dei suoi abitanti, persone calorose e di cuore proprio come noi italiani.
Ero già stata a Madrid ed avevo constatato questo ma a Siviglia ne ho avuto la conferma.

La prima impressione di questa città è stata subito positiva nonostante siamo arrivati dopo un viaggio lunghissimo che ci ha rubato tutte le energie.
Abbiamo viaggiato di notte e siamo arrivati a prima mattina mentre la città dormiva ancora quindi ci siamo ritrovati a girare un po' per le stradine ed aspettare che la stanza d'albergo fosse pronta.
Nonostante fossimo stanchi, siamo rimasti subito rapiti dal fascino della città, antica, calda ed accogliente.




In Spagna è tutto spostato di un'ora e la giornata inizia a pieno ritmo più tardi (anche a Madrid fu così)
Dopo la colazione fatta alle 8:30, (Raffi si sveglia sempre puntuale la mattina) , risalivamo in camera ed aspettavamo un'altra oretta prima di scendere ed iniziare i tour che ci eravamo programmati.
Alle 9:30 circa eravamo per strada ma molti negozi erano ancora chiusi ed i ristoranti aprivano a mezzogiorno quindi devo dire a chi ha dei bimbi piccolissimi che pranzano alle 12:00 e cenano alle 19:00 come noi che  bisogna organizzarsi per bene.
Raffi per i primi tre giorni e' andato avanti con latte e biscotti e gelati, non aveva voglia di mangiare nulla, sarà per il caldo ma anche perché ha beccato il raffreddore, poi fortunatamente è ritornato il suo appetito.

è stata una vacanza piacevolissima, abbiamo associato le visite culturali al relax avendo prenotato un albergo con la piscina in modo che il pomeriggio, dopo il pisolino, Raffi potesse divertirsi un po'!
A Siviglia come per il resto della Spagna, si mangia divinamente, poi io sono una buona forchetta e adoro provare la cucina locale. Tra tapas e ceveza ero in estasi, ed ogni giorno abbiamo assaggiato qualcosa di nuovo.


Inoltre Siviglia vanta di un patrimonio culturale spettacolare, abbiamo visitato luoghi e monumenti che ho impresso nel cuore e nella mente per la loro bellezza.
La cattedrale, il palazzo reale dell'Alcazar e suoi immensi giardini, Torre dell'oro , la meravigliosa Plaza de Espana e il parco di Maria Luisa mi hanno colpito veramente tanto e sono felice di averli visti. Alcuni posti non erano proprio a prova di passeggino,c'erano tanti gradini da fare, ma nonostante la fatica ne è valsa sicuramente la pena.





Quando siamo arrivati a Cordoba il 7 agosto sono rimasta estasiata.
Siamo arrivati con un treno che da Siviglia e' arrivato a Cordoba in meno di un'ora.
Alla stazione abbiamo preso un taxi che ci ha portati all'albergo, e in macchina mi sono resa conto già della meraviglia che avevamo intorno.
Il nostro albergo era centralissimo quindi abbiamo raggiunto tutto a piedi.
Cordoba e' una cittadina piccolissima che  si può visitare in un giorno se siete turisti a tempo pieno e amate camminare con lo zainetto sulle spalle.
Noi fino a due anni fa lo eravamo, ma con l'arrivo di Raffi i ritmi sono cambiati, e quindi tra un monumento e ed un altro abbiamo aggiunto varie soste.
Così abbiamo visitato Cordoba in tre giorni ma l'abbiamo vissuta a pieno.
La Mezquita, i giardini dell'Alcazar e il ponte romano sono di una bellezza estasiante.


L'Andalucia non è una meta prediletta per chi ha dei bimbi piccoli per il caldo asfissiante che fa, ma se si adottato le giuste precauzioni la di può scegliere tranquillamente!
Innanzitutto durante l'ora della siesta è consigliabile stare a casa o in camera. Quindi noi visitavamo la città dalle 9:00 alle 13:00 massimo, poi dopo pranzo salivamo in hotel e ci restavamo fino alle 19:00.
Dalle 14:00 alle 17:00 Raffi dormiva e quindi approfittavano anche noi per riposare.
Ci siamo attrezzati  con cappelli  e abiti leggeri. In più bevevamo molto spesso e stavamo attenti allo sbalzo di temperatura tra il fuori e l'interno dei locali (ma ahimè il raffreddore lo abbiamo beccato ugualmente)
Cordoba è stata la meta che mi è piaciuta di più, una città divisa in due parti; la zona moderna che la rende più commerciale e al passo con i tempi e la zona storica (la mia preferita) dove le stradine piccolissime piene i vasi di fiori e lo stile arabeggiante che predomina le donano un fascino particolare.


Nonostante Raffi si sia adattato ad ogni situazione la sua vera vacanza e' iniziata a Malaga... Ma questo ve lo racconterò nel prossimo post se vorrete!

2 commenti:

  1. Che posti meravigliosi. Grazie X averlo condiviso con noi, aspetto il prossimo post ��.
    Scrivi divinamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver letto! Arriva a breve , un bacione

      Elimina